Categories: Chiamata all'impegno

Te Deum

Noi ti lodiamo, Dio,
ti proclamiamo Signore.
O eterno Padre,
tutta la terra ti adora.

A te cantano gli angeli
e tutte le potenze dei cieli:
Santo, Santo, Santo
il Signore Dio dell’universo.

I cieli e la terra sono pieni
della tua gloria.

Ti acclama
il coro degli apostoli
e la candida schiera dei martiri;

le voci dei profeti si uniscono
nella tua lode;
la santa Chiesa proclama
la tua gloria,
adora il tuo unico Figlio,
e lo Spirito Santo Paraclito.

O Cristo, re della gloria,
eterno Figlio del Padre,
tu nascesti
dalla Vergine Madre
per la salvezza dell’uomo.

Vincitore della morte,
hai aperto
ai credenti
il regno dei cieli.

Tu siedi alla destra di Dio,
nella gloria del Padre.
Verrai a giudicare il mondo
alla fine dei tempi.

Soccorri i tuoi figli, Signore,
che hai redento
col tuo sangue prezioso.

Accoglici nella tua gloria
nell’assemblea dei santi.

Salva il tuo popolo, Signore,
guida e proteggi i tuoi figli.

Ogni giorno
ti benediciamo,
lodiamo il tuo nome
per sempre.

Degnati oggi, Signore,
di custodirci senza peccato.

Sia sempre con noi
la tua misericordia: in te abbiamo sperato.

Pietà di noi,
Signore,
pietà di noi.
Tu sei la nostra speranza,
non saremo confusi in eterno.

==================================================

Preghiera per il lunedì dell’Angelo (Pasquetta)

Ti voglio ripetere, oggi, mio Signore, le stesse parole che altri ti hanno già detto. Le parole di Maria di Magdala, la donna assetata di amore, non rassegnata alla morte. E ti chiese, mentre non riusciva a vederti, perché gli occhi non possono vedere ciò che il cuore veramente ama, dove tu fossi. Dio si può amare, non si può vedere. E ti chiese, credendoti il giardiniere, dove eri stato messo.

A tutti i giardinieri della vita, che è sempre giardino di Dio, anch’io vorrei chiedere dove hanno messo l’Amato Dio, crocifisso per amore.

Vorrei anche ripeterti le parole della pastora bruna, quella del Cantico dei Cantici riscaldata o bruciata dal tuo amore, perchè il tuo amore riscalda e brucia e guarisce e trasforma, e lei ti disse, mentre non ti vedeva ma ti amava e ti sentiva accanto: “Dimmi dove conduci il tuo gregge a pascolare e dove tu riposi nel momento del grande caldo”.

Io so dove tu conduci il tuo gregge.

Io so dove tu vai a riposarti nel momento del grande caldo.

Io so che tu mi hai chiamato, eletto, giustificato, gratificato.

Ma coltivo il desiderio sincero di venirti accanto calpestando le tue orme, amando il tuo silenzio, cercandoti quando è buoi o infuria la tempesta.

Non lasciarmi barcollare sulle onde del mare. Potrei affondare totalmente.

Vorrei gridare anch’io con Maria di Magdala: 

“Cristo, mia speranza è risorto.

Ci precede nella Galilea delle genti”

E verrò da te, correndo, per vederti e dirti:

“Mio Signore, mio Dio”.

www.preghiereperlafamiglia.it